POCO M3, uno smartphone così a 150 euro è un miracolo? Quasi! La recensione


Al lancio lo abbiamo definito incredibile, e di fatto POCO M3 davvero difficile da credere. Online pu essere trovato a circa 130 / 150 e, anche se non vuole essere un flagship perfetto in tutto e per tutto, offre Snapdragon 662, fotocamera da 48MP, un display Full HD+ e una batteria enorme da 6.000mAh che da sola vale quasi l’intero prezzo del biglietto. Il tutto con un design estremamente riconoscibile con materiali utilizzati alla perfezione. Lo abbiamo provato e vi raccontiamo la nostra esperienza.



Indice dell’articolo

Specifiche tecniche


POCO M3 il nuovo entry-level dell’azienda capitanata da Xiaomi.Un brand che ha ripreso vita da qualche mese dopo aver presentato nuovi smartphone che hanno dalla loro un prezzo decisamente aggressivo ma con specifiche tecniche interessanti. In questo caso POCO M3 un device caratterizzato da una enorme batteria da 6.000 mAh abbinata a undisplay Full HD+ e un processore Snapdragon 662. Il comparto fotografico messo in evidenza sul retro su un grosso modulo separato dal resto della scocca, con tanto di scritta POCO in bella vista: fra i tre moduli presenti, inoltre, abbiamo un principale con il buon “sensorone” da 48MP.



POCO M3 dunque si caratterizza per essere uno smartphone entry level con una batteria senza compromessi.In questo caso parliamo di una unit da6.000 mAhche promette (molto ottimisticamente)oltre 5 giorni in condizioni di uso leggeroo 3 giorni in utilizzo normale. Per l’uso intenso invece sar necessario dover stressare POCO M3 addirittura fino ad un giorno e mezzo prima che il device si scarichi completamente. Oltretutto lo smartphone supporta una ricarica da 22,5W gi con il caricabatterie incluso nel prezzo, nonostante il listino estremamente competitivo.











OS (al lancio)

Android 10 con MIUI 12

Processore

Qualcomm Snapdragon 662 a 11-nm

4 x Kryo 260 @ 2,00 GHz

4 x Kryo 260 @ 1,80GHz

Memorie

4 GB di RAM

64 – 128 GB Espandibili via microSD

Display

6,53″ LCD IPS (19.5:9)

2340×1080 px (395 PPI)

Fotocamere

Retro:

Normale: 48 MP f/1.8 PDAF

Macro: 2 MP f/2.4

Depth: 2 MP f/2.4

Video Full HD @ 30 fps

Fronte:

Normale: 8 MP f/2.1

Extra

4G LTE-A

Wi-Fi ac 2.4-5GHz

Bluetooth 5.0

NFC

Dual SIM opzionale (Nano)

Sensore d’impronte laterale

DAC 24-bit/192kHz

Porte

USB Type-C

Jack audio 3.5 mm

Batteria

6.000 mAh

Ricarica rapida 22.5W

Dimensioni

162,3 x 77,3 x 9,.6 mm

Peso

198 grammi

Oltre a questo ilPOCO M3 possiede un display Full HD+ Dot Dropda 6,53” con risoluzione di 2340×1080 pixel e un rapporto di contrasto dichiarato pari a 1.500:1 (vedremo in seguito il valore misurato con i nostri strumenti) in formato 19.5:9. Il pannello protettivo in Gorilla Glass 3, mentre abbiamo la certificazione TV Rheinland Low Blue Light, che consente di visualizzare contenuti per ore senza sforzare eccessivamente gli occhi. Troviamo poi un doppio speaker e il sensore di impronte posto lateralmente, e ci sembrato abbastanza veloce e affidabile durante l’uso.



Per quanto invece concerne le fotografie, POCO M3 vede la preenza di una tripla fotocamera consensore principale da 48MP, coadiuvata da una macro da 2MP e un sensore di profondit da 2MP (entrambi abbastanza inutili a dire il vero, ma a questo prezzo possiamo accontentarci anche del modulo da 48MP). Anteriormente la fotocamera frontale da 8MP. Lato multimediale sono diverse le modalit che permettono particolari effetti sugli scatti o sui video:Movie framed alle foto un effetto cinematografico, mentre ilTime-lapsesfrutta vari valori di velocit per catturare diverse scene. C’ anche laNight Modeche migliora le foto scattate in ambienti bui aumentando il contrasto dei colori.



Infine il compartohardware con la presenza del chipsetQualcomm Snapdragon 662, un processore da 11nm coadiuvato dalla GPU Adreno 610, supportato da4GB di RAM per la gestione del multitasking. Due le versioni al lancio, da 64 o 128GB di storage integrato espandibile attraverso una microSD da installare su slot dedicato, e sono invece tre i colori: Cool Blue, l’originale Yellow, con modulo fotografico posteriore a contrasto nero, e il Power Black, che abbiamo avuto in prova per questa recensione.

POCO M3: prezzi e dotazione

POCO M3 gi disponibile in Italia in due configurazioni, come detto poco sopra: 4GB di RAM+64GB di storage e 4GB di RAM+128GB di storage. Le vendite sono state avviate lo scorso 27 novembre in occasione del Black Friday, durante il quale POCO M3 vveniva proposto a partire da 130 circa. Un prezzo assurdo in relazione ai contenuti tecnici.




  • POCO M3 da 4+64GB prezzo di 159,90
  • POCO M3 da 4+128GB prezzo di 179,90

La dotazione abbastanza consueta per uno smartphone cinese: custodia in gomma trasparente (con inserto per il connettore), pellicola protettiva per lo schermo, purtroppo non preapplicata, caricabatterie e cavo. Come gi detto il caricabatterie da 22.5W, pi che sufficienti per non attendere troppo con lo smartphone in carica.


Software ed esperienza d’uso

POCO M3 non lo smartphone pi veloce e reattivo che abbiamo provato in questa redazione, ma non sfigura se posto a confronto con dispositivi dal prezzo sensibilmente pi elevato (anche di 200 o 300).



Questo grazie non solo all’hardware integrato, che offre prestazioni pi che adeguate per la stragrande maggioranza degli utenti, ma anche MIUI 12 preinstallata con cui viene venduto.Android in versione 10, e viene proposto con diverse applicazioni preinstallate. Oltre ai servizi Google abbiamo Mi Music, Mi Video, un’app per la gestione dei Temi, diverse applicazioni fra le pi diffuse in Italia, Mi Browser e una cartella Strumenti per accedere al Registratore vocale o dello schermo, alla Radio FM e ad altro.



Decisamente interessante il supporto delle reti Wi-Fi 5 con dual-band (2.4/5GHz), vero e proprio tallone d’Achille nella fascia di mercato pi bassa, mentre il Bluetooth 5.0 aiuta con il pairing a basso consumo energetico di molti dispositivi recenti. Lato software abbiamo tutto quello che la MIUI ha da offrire: una Modalit Scura a livello di sistema, la possibilit di accedere a pi profili colore, la possibilit di gestire la parte superiore dello schermo e di modificare le opzioni visibili e c’ anche la possibilit di personalizzare la Home come meglio si preferisce (abilitando o disabilitando l’app drawer, ad esempio, e moltissimo altro).

Caratteristiche degne di menzione, soprattutto a meno di 200, il supporto all’audio a 24-bit /192kHz, il jack audio da 3.5mm e la porta a infrarossi. Una brutta mancanza, soprattutto in considerazione della completezza di POCO M3, invece quella dell’NFC. Con questo dispositivo non possibile effettuare pagamenti contactless in giro per negozi, fattore che pu diventare rivelante per l’utente un po’ pi evoluto.



Insomma, a dispetto del prezzo contenuto POCO M3 si configura come uno smartphone molto versatile, che non fa mancare nulla al suo utente. Il tutto impreziosito da un sensore di impronte fulmineo e affidabile, installato nella parte laterale destra della scocca. Il dispositivo risulta un po’ tozzo e pesante durante l’uso, con i suoi 198 grammi senza custodia e circa 220 grammi con la custodia. Caratteristiche che possiamo giustificare con le dimensioni del display e l’enorme batteria da 6.000mAh sotto la scocca.

Analisi tecnica


Qualcomm Snapdragon 662 il SoC che alimenta POCO M3, un processore stampato con processo produttivo a 11-nm caratterizzato da otto core Kryo 260, quattro in configurazione Gold a 2.0GHz, e altrettanti in configurazione Silver a 1.8GHz.



Viene abbinato in tutte le varianti disponibili sul mercato a 4GB di RAM, che riteniamo pi che soddisfacenti per la stragrande maggioranza di attivit su Android. 64 e 128GB i tagli di memoria disponibili, entrambi su chip UFS 2.1, con possibilit di espansione in slot dedicati. Il processore viene abbinato a una GPU Adreno 610 di Qualcomm lato grafico. Le prestazioni? In generale buone, anche se sono da evitare i giochi di ultimissima generazione con grafica tridimensionale.

Abbiamo riscontrato qualche micro-lag principalmente dopo lo sblocco e di certo la fluidit nella navigazione web o in altre attivit non paragonabile a quella offerta da smartphone pi costosi. POCO M3 si comporta in maniera simile a quella di smartphone dal costo non superiore ai 280/300, soprattutto se si esclude dal confronto la parte della GPU.


Benchmark

Di seguito riportiamo i benchmark che abbiamo eseguito con il terminale.








Display

Per quanto riguarda il display, POCO M3 si fa rispettare in questa fascia di prezzo soprattutto per la risoluzione: a meno di 200 non facile trovare smartphone con la Full HD+, e nello specifico l’entry-level di POCO offre un computo di pixel pari a 2340 per il lato lungo e 1080 per quello corto. La densit di pixel di quasi 400ppi, con un rapporto schermo-cornici che sfiora l’85% grazie alla presenza del Dot Drop (la goccia nella parte centrale superiore del pannello). L’aspect-ratio di 19.5:9, mentre l’azienda dichiara una luminanza di 400 nit e un rapporto di contrasto di 1500:1. Vediamo se vero, attraverso i nostri test condotti in laboratorio.

Analisi Display

Lo smartphone si presenta con tre modalit predefinite: Automatico, che regola i colori in base all’illuminazione dell’ambiente circostante; Intenso, e Standard. Intenso consente di ottenere un rapporto di contrasto percepito leggermente superiore (circa 1600:1) rispetto a Standard (1460:1), modificando in maniera dinamica le immagini in riproduzione su schermo. L’unica modalit misurabile, con impostazioni stabili a prescindere dalle immagini riprodotte, quindi Standard. In ogni caso abbiamo registrato una luminanza massima di 424 nit, un valore certamente inferiore rispetto ad altri prodotti pi costosi, ma in linea con altre produzioni a pari prezzo.

Modalit Standard




Gamut



Bilanciamento del bianco



Curva di gamma (Standard 2.2)



Fedelt cromatica (sRGB)


In considerazione del prezzo di listino, il display di POCO M3 di buona fattura. I colori possono sembrare slavati rispetto a quelli di un OLED compatibile con il gamut DCI-P3, ma questo perch su POCO M3 si prende come riferimento il meno esteso standard sRGB. In relazione a quest’ultimo la calibrazione di fabbrica molto buona in modalit Standard, mentre in modalit Intenso il punto di bianco leggermente traslato verso i toni azzurri. Il pannello si comporta bene anche dal punto di vista della saturazione massima di tutte le componenti del colore, e la progressione tonale (dal nero fino al bianco) corretta seguendo il gamma standard di 2.2 del riferimento sRGB. Il DeltaE misurato con i colori del Macbeth Color Checker pari a 2,9, un valore molto buono che stabilisce un’ottima correttezza del display. Considerando l’uso tipico di uno smartphone, tuttavia, da sottolineare che luminanza di 424nit e rapporto di contrasto di 1460:1 non sono valori soddisfacenti per la visione di contenuti sotto la luce del sole, e anche la lettura di testi viene in parte compromessa.


Autonomia

Con la sua batteria da 6.000 mAh POCO M3 promette di essere un campione di autonomia e, nel nostro test, non ha di certo sfigurato. Lo smartphone economico della sussidiaria di Xiaomi ha realizzato un valore record per questa generazione, totalizzando un risultato di ben 1130 minuti. Ricordiamo che il test viene eseguito simulando la navigazione web attraverso uno script automatizzato dopo aver impostato la luminanza al valore di 200 nit.

Nell’uso di tutti i giorni POCO M3 si comporta in maniera incredibile su questo fronte. I tre giorni promossi da Xiaomi sono raggiungibili con un uso che va dal moderato al normale, tuttavia quello che importa che lo smartphone davvero difficile da mettere in crisi sul piano della durata in un’unica giornata. Se non bastasse, aiutano parecchio la ricarica – che abbastanza rapida – e le funzionalit di risparmio energetico per app e generali che l’utente pu attivare dalle impostazioni. Sul piano dell’autonomia non c’ davvero nulla da obiettare, anche perch la pachidermica batteria da 6.000mAh pu essere usata anche per ricaricare dispositivi esterni. Manca la ricarica wireless, ma a meno di 200 sarebbe stato chiedere davvero troppo!



Fotocamera

Come abbiamo gi detto sul piano della fotografia abbiamo al posteriore unsensore principale da 48MP con grandangolo f/1.8, un modulo macro da 2MP e un sensore di profondit da 2MP, entrambi abbinati ad un obiettivo f/2.4. In sostanza non cambia molto da avere un singolo modulo posteriore, visto che il macro non offre tantissimo valore aggiunto rispetto al principale, e il sensore di profondit da 2MP con ogni probabilit un espediente per aumentare il computo delle fotocamere al posteriore. Si tratta di una moda del momento che quasi tutti i produttori di smartphone di fascia bassa continuano a perseguire, quindi da questo punto di vista non solo POCO a fare la furba. Non manca, comunque, la Modalit Notte.



Sulla parte frontale c’ un sensore da 8MP con obiettivo f/2.1, mentre sul fronte dei video POCO M3 si ferma al Full HD a 30 fps.

POCO M3, caratteristiche della fotocamera

  • Standard
    • Sensore da 48 MP
    • Obiettivo f/1.8
    • Autofocus PDAF
  • Macro
    • Sensore da 2 MP
    • Obiettivo f/2.4
  • Depth
    • Sensore da 2 MP
    • Obiettivo f/2.4

Esempi di scatto POCO M3


Clicca sulle anteprime per vedere le foto originali


Il sensore da mezzo pollice con risoluzione di 48MP lo conosciamo ormai piuttosto bene, nel bene e nel male. Sotto la luce del sole POCO M3 lo gestisce molto bene e anche al buio lo smartphone riesce a risolvere un buon numero di dettagli. Sostanzialmente inutile risulta la Modalit Notte, che non fa altro che impastare l’immagine senza introdurre un vero e proprio valore aggiunto. POCO M3 non versatile sul piano fotografico e i due moduli aggiuntivi da 2MP non offrono grandi vantaggi all’utente, tuttavia la qualit delle foto decisamente interessante per un device da meno di 200.

Considerazioni finali


POCO M3 non un miracolo, ovviamente, ma uno smartphone estremamente concreto ed efficace in quello che offre. Si tratta di un dispositivo che non si rivolge all’utente esigente: la fotocamera da 48MP principale abbastanza affidabile, il display Full HD non il massimo in fatto di luminosit massima, ma offre una buona definizione ed accettabile con tutti i tipi di contenuti (soprattutto quando non si sotto la luce diretta del sole).



A livello di suono lo smartphone si fa rispettare per il supporto ai 24-bit e gli speaker si comportano in maniera adeguata. Esteticamente non si pu definire uno smartphone bello, tuttavia ha personalit e si fa riconoscere all’interno di una categoria che poco stata in grado di proporre nelle ultime generazioni. Il tutto a un prezzo impressionante, ottimizzato all’osso grazie probabilmente alla ricerca di componenti di livello accettabile, ma reperibili dai fornitori a prezzi stracciati.




Il tutto viene impacchettato attorno a una gloriosa batteria da 6.000mAh, che offre quel valore aggiunto in termini di autonomia che rende POCO M3 un vero e proprio best-buy anche se si considera una fascia di prezzo un po’ superiore. Lo smartphone si rivolge a utenti che si sanno accontentare, partendo dal giovanissimo che si approccia per la prima volta alla categoria fino al pi attempato che vuole solo chiamare e comunicare con i cari. POCO M3 non disdegna neanche le attenzioni del “nerd” che vuole avere tutto spendendo pochissimo, perch di fatto con questo smartphone si possono fare quasi tutte le operazioni che promettono anche i flagship da mille e oltre euro mettendo da parte il gaming.



Pesa abbastanza la mancanza del modulo NFC, quello s, e quindi niente pagamenti contactless nei negozi. Ma se quella non una vostra priorit (o per il parente che vi ha commissionato l’acquisto di uno smartphone), non potete davvero chiedere di pi a meno di 150 euro.



Vai all’articolo Originale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X