Gamefound diventa una piattaforma di crowfunding


È di ieri la notizia che Kickstarter, la nota piattaforma di crowfunding, avrà un nuovo competitor nel mondo dei giochi da tavola: Gamefound ha infatti annunciato che si getterà nella mischia, e che lo farà in grande!

Gamefound logo

Ma, prima di entrare nei dettagli, facciamo un “piccolo” passo indietro ed analizziamo alcuni dati di questa parte del mondo del gioco.
Inutile negare che il finanziamento dal basso dei giochi da tavolo sta vivendo un vero e proprio periodo d’oro con un aumento costante del numero di progetti presentati, e finanziati, ha subito un costante aumento negli ultimi anni: alcune stime parlano di ben 7 nuovi giochi nati ogni giorno solo su Kickstarter!
E con esso è aumentato in maniera diretta anche il quantitativo di denaro che vi gira attorno: solo nella prima metà del 2019 si stima che siano stati finanziati progetti legati all’intrattenimento ludico per ben 80,5 milioni di dollari!
Indubbio è anche il fatto che una buona campagna kickstarter può letteralmente cambiare il destino dei progetti presentati: giochi che difficilmente avrebbero potuto essere finalizzati, grazie al finanziamento diretto sono oggi consolidate realtà. Un esempio per tutti? Kingdom death: Monster, che ha “portato a casa” ben 12,4 milioni di dollari e oggi può vantare decine di migliaia di appassionati, e solo di recente battuto da Frosthaven ( con quasi 14 milioni di dollari raccolti).

Considerando la grandezza del volume di affari, era quindi inevitabile che qualcun altro decidesse di scendere in campo e “sfidare” l’egemonia di Kickstarter.
Dobbiamo dire che Gamefound è una realtà già da diversi anni attiva nel mondo del crowfunding, sebbene finora abbia lavorato in seconda linea gestendo i pledge manager (per i non addetti: la possibilità di aggiungere elementi a quanto finanziato durante la campagna raccolta fondi) di oltre 250 campagne di raccolta fondi.
Questo, per loro stessa ammissione, ha permesso all’azienda di accumulare un buon bagaglio operativo e capire quali siano gli elementi critici, quali le principali aspettative dei partecipanti alle diverse campagne e quali i servizi aggiuntivi da fornire.
Nel comunicato ufficiale Gamefound dichiara infatti che oltre agli elementi più consueti, sulla loro piattaforma verrà introdotto tutta una serie di strumenti atti a rendere più semplice e più interattiva la partecipazione ai finanziamenti.

Gamefound

Una di tali novità riguarderà uno degli aspetti focali delle campagne di raccolta fondi: gli stretch goals. Gli utenti saranno infatti informati di quale sarà il prossimo in lista e inoltre verranno automaticamente rivelati dal sistema (rendendo più semplice la vita ai creatori delle campagne che non dovranno intervenire manualmente ogni volta).
Anche la gestione degli add-on verrà semplificata: basterà selezionarli, senza dover calcolare quanto dover aggiungere al pledge desiderato.
Saranno inoltre presenti altre novità; tra le varie la presenza di un comodo “wizard” che guiderà i meno esperti nel corso dei loro decisioni, informandoli passo passo e rendendo più immediato capire il tutto (insomma niente più corse su pagine dedicate per chiedere ad altri utenti più navigati).
Anche per i creatori delle campagne saranno introdotti tutta una serie di strumenti per rendere più semplice la gestione delle campagne (come ad esempio, un calcolatore dei costi di produzione).

iss Vanguard

Ovviamente l’annuncio di questo cambio di rotta non poteva che essere accompagnato dalla presentazione del primo progetto direttamente gestito da questa “nuova” piattaforma. E fateci dire che le premesse per una partenza in grande stile ci sono tutte!
Stiamo infatti parlando di ISS Vanguard di Awaken Realms, casa già nota per prodotti come Nemesis o il più recente Tainted Grail.
Sebbene al momento la campagna non sia ancora attiva (sebbene sia possibile dare un occhio al draft qui) le premesse sembrano essere molto interessanti visto che (traduzione nostra).

ISS Vanguard rappresenta un passo avanti per i nostri giochi, che fonde la vasta esperienza dei designer di AR, ottenuta da progetti come Nemesis, Tainted Grail, Etherfields, Lords of Hellas e This War of Mine: TBG. La storia realizzata da Krzysztof Piskorski, uno dei migliori autori polacchi e principale scrittore di Tainted Grail, ti getterà nel bel mezzo di un’epica opera spaziale con scelte difficili, scoperte inimmaginabili e alleati improbabili.

Gamefound ha già comunicato che ISS Vanguard agirà da progetto pilota e che in seguito la piattaforma aprirà i battenti per un numero di progetti limitato.
Il tutto, viene detto chiaramente, con lo scopo di aggiustare il tiro e permettere di rendere la nuova piattaforma completamente performante e facilmente utilizzabile da chiunque.
Gamefound stima che questo periodo di “assestamento” durerà all’incirca 4 o 5 mesi, dopo i quali chiunque potrà presentare il proprio progetto sulla loro piattaforma.

Se volete conoscere Awaken Realms, il primo partner di Gamefound, ecco per voi Tainted Grail – la Caduta di Avalon



Vai all’articolo originale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X