Call of Duty Warzone: nuovo giro di ban, c’è anche uno streamer


Poco dopo che gli appassionati di COD hanno iniziato a godere della Stagione 6 di Call of Duty Warzone e Modern Warfare, Activision entra nuovamente in gamba tesa per espellere forzatamente dal proprio gioco nuovi cheater. Non è la prima volta che la compagnia americana prende seri provvedimenti nei confronti di chi decide di usare trucchi non convenzionali per agevolarsi, e anche questa volta gli account bannati sono un numero davvero considerevole.

Parliamo di oltre 20.ooo ban, e questa volta tra gli esclusivi vi troviamo anche uno streamer abbastanza famoso negli stati uniti d’America. Il ragazzo, conosciuto sul sito viola con il nickname di “Wagnificent”, è stato bandito da Call of Duty Warzone quando era nel bel mezzo di una partita. Dopo aver fatto la sua prima uccisione nel gioco, con 111 giocatori rimasti nella partita, il PC dello streamer si è bloccato facendogli visualizzare un tipico messaggio di errore.

Call of Duty Warzone Call of Duty Modern Warfare rovazzi operatore

È stato quando lo streamer ha provato a ritornare nel gioco però, che ha scoperto di essere stato bannato da Activision; quando un nuovo messaggio sul PC gli ha confermato di esser stato bannato permanentemente da Call of Duy Warzone. Ovviamente il motivo dei ban è da ricondurre ai tanti cheat che sono ancora utilizzati da moltissimi giocatori all’interno delle partite di Warzone e Modern Warfare.

Questi ban sempre più frequenti, confermano quanto già dichiarato da Activision e Infinity Ward nei mesi scorsi; ossia che entrambi i team sono sempre molto attenti alla questione cheat e non hanno intenzione di lasciare nulla al caso. Cosa ne pensate dei sempre più costanti ban da parte di Activision? Diteci la vostra lasciando un commento nella sezione dedicata,

I nuovi giochi della saga COD stanno diventando sempre più puliti dai cheater, potete acquistare la vostra copia di Call of  Duty Modern Warfare su Amazon a questo indirizzo.



Vai all’articolo originale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X