Dove l’aria è più inquinata ci sono più morti per Covid-19


Una nuova analisi statunitense porta all’attenzione delle autorità un possibile collegamento tra mortalità per Covid-19 e l’esposizione a inquinanti atmosferici pericolosi

coronavirus
(foto: Getty Images)

Dove l’aria è più sporca il coronavirus fa più danni. È la conclusione a cui un team di ricercatori statunitensi è arrivato confrontando i livelli di inquinanti atmosferici pericolosi e mortalità procapite per Covid-19 in oltre 3mila contee del Paese. A dimostrazione – sostengono gli esperti – che l’esposizione a lungo termine al particolato fine e ultrafine rende le persone più vulnerabili alle infezioni.

Esiste ormai una nutrita schiera di studi che indaga la relazione tra l’inquinamento atmosferico e la mortalità per tutte le cause. Ed è in questo contesto che si inserisce la nuova analisi, commissionata anche da ProPublica e pubblicata su Environmental Research Letters, perché per il momento un’associazione tra le condizioni dell’aria e la vulnerabilità al coronavirus non è – almeno secondo le istituzioni – abbastanza comprovata.

I ricercatori, dunque, hanno confrontato l‘indice di inquinamento atmosferico (il National Air Toxics Assessment 2014, l’ultimo disponibile) dell’agenzia statunitense per la protezione ambientale Epa con la mortalità procapite per Covid-19 nelle oltre 3mila contee statunitensi, mettendo in luce come in alcune aree del Paese – che ricordiamo essere il primo al mondo per numero di casi e decessi per Covid-19 – non particolarmente popolose ma indubbiamente molto inquinate (per esempio le aree rurali della valle del Mississippi, della Louisiana e della Georgia) la mortalità procapite per Covid-19 sia più alta rispetto a quella delle aree urbane.

Per i ricercatori non ci sono molti dubbi: esiste una correlazione tra le condizioni ambientali preesistenti, nella fattispecie gli inquinanti atmosferici, e la vulnerabilità della popolazione all’infezione. E i loro risultati – sostengono – sono tanto più forti perché a differenza di studi precedenti i dati sono stati normalizzati per parametri socioeconomici e vari indicatori di salute della popolazione residente, tra cui l’esposizione a Pm2,5 e ozono.

L’analisi indica una possibile spiegazione. L’esposizione a lungo termine al particolato rende le persone suscettibili alle infezioni, non solo da coronavirus. L’inquinamento atmosferico avrebbe ripercussioni sulla salute che predispongono allo sviluppo di forme gravi di Covid-19, da qui il maggior tasso di mortalità. Gli effetti, inoltre, sarebbero permanenti, come delle cicatrici che lasciano l’organismo vulnerabile; e infatti il crollo dei livelli di inquinamento atmosferico a New York durante il lockdown non ha prodotto un effetto di protezione

Non solo, l’analisi ha permesso di costruire dei modelli della mortalità per Covid-19 in relazione alla concentrazione di inquinanti atmosferici pericolosi, che dovrebbero servire alle istituzioni per comprendere il valore delle azioni di prevenzione dell’inquinamento sulla salute della popolazione.

Potrebbe interessarti anche





Vai all’articolo Originale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X