Diana Rigg, la Lady Olenna di Game of Thrones, è morta


L’attrice britannica aveva interpretato diversi ruoli teatrali e televisivi, era stata l’unica Bond girl a sposare 007 ed era nota ai più giovani per la sua spietata Lady Olenna

olenna

Di’ a Cersei che sono stata io“. Questa è sicuramente una frase che finirà direttamente negli annali delle serie tv e a pronunciarla è Lady Olenna Tyrell, uno dei personaggi sicuramente più carismatici e indimenticabili di tutta Game of Thrones. L’attrice che la interpretava, Diana Rigg, è morta il 10 settembre all’età di 82 anni a causa di un cancro che le era stato diagnosticato la scorsa primavera. Enid Diana Elizabeth Rigg – questo il suo nome completo – era nata vicino vicino a Doncaster, in Inghilterra, il 20 luglio 1938. Si era trasferita neonata in India con il padre, tanto che l’hindi era la sua seconda lingua.

Tornata in patria dopo la seconda guerra mondiale e dopo degli studi privati aveva frequentato la Royal Academy of Dramatic Art seguendo la sua passione per la recitazione. Debuttò sul palco nel 1957 in un’opera di Bretch e successivamente frequentò la Royal Shakespeare Company, distiguendosi in particolare nel ruolo di Cordelia nel King Lear. Il successo popolare arrivò però nel 1965, quando ottenne il ruolo di Emma Peel, la co-protagonista della serie tv Agente Speciale. Aveva ottenuto il ruolo dopo che l’attrice designata, Honor Blackman, aveva lasciato per interpretare Pussy Galore in Goldfinger. Ma 007 era nel destino anche di Rigg, che infatti interpretò la moglie di James Bond in Agente 007: Al servizio segreto di sua Maestà nel 1969.

Seguirono numerosi ruoli di rilievo sullo schermo e a teatro, fra i quali si deve ricordare sicuramente la sua Medea che le valse il premio come miglior attrice ai Tony Award del 1994. Alle nuove generazioni, invece, era nota come la Lady Olenna di Game of Thrones, la matriarca della casata Tyrell pronta a qualsiasi cosa pur di salvaguardare gli interesse dei suoi figli e nipoti, disposta anche alle macchinazioni più efferate.

Potrebbe interessarti anche





Vai all’articolo Originale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X