Lg ha presentato una mascherina tech a batteria che filtra aria pulita


Sarà mostrata a Ifa 2020 di Berlino e potrà durare dalle due alle otto ore a seconda dell’intensità di azione

lg puricare
(Foto: Lg)

Lg Puricare è una mascherina tech dotata di potente doppio filtro e sistema di ventilazione alimentato a batteria che può fare da barriera garantendo aria pulita da due a otto ore a seconda del livello di intensità impostato. Sarà presentata nel corso di Ifa 2020 di Berlino.

Sono due i filtri contenuti all’interno di Lg Puricare e sono di tipo Hepa H13 del tutto simili a quelli che si trovano a bordo dei purificatori d’aria per la casa. Possono agire trattenendo il 99,97% delle particelle che fluttuano nell’aria fino a una dimensione di appena 0,3 micron e per questo motivo vengono anche chiamati filtri assoluti.

A differenza di tante mascherine uscite nelle scorse settimane durante la pandemia del Covid-19 e che puntano più sulla trasparenza e sul comfort massimo a vantaggio della pelle, Lg Puricare sceglie una via più concreta a partire dal design avvolgente e non certo minimalista. Coprirà tutte le zone più difficili del viso come quelle attorno al naso o sotto al mento. Si aggancerà in modo tradizionale con due laccetti dietro le orecchie.

lg puricare componenti
(Foto: Lg)

E d’altra parte la mascherina non potrebbe mai essere troppo compatta dato che contiene numerosi componenti inevitabilmente ingombranti. All’interno si trovano due ventole per il ricircolo dell’aria, i due filtri e un sensore che rileva frequenza e volume respiratorio così da adattare l’intensità in automatico. La batteria è da 820 mAh e può reggere per due ore a massima intensità o otto ore con le ventole al minimo.

La mascherina Lg Puricare ricaricherà la batteria inserendosi all’interno di una custodia da viaggio, un po’ come gli auricolari true wireless, e avrà anche un sistema di igienizzazione a raggi uv per il massimo della pulizia. L’uscita in commercio della mascherina è attesa per fine anno a un prezzo ancora non comunicato.

 

Potrebbe interessarti anche





Vai all’articolo Originale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X