Milestone, fumetti e film annunciati al DC FanDome


Il panel a sorpresa della prima giornata del DC FanDome è dedicato alla Milestone, l’etichetta nata a metà degli anni ’90 con protagonisti solo personaggi ed autori di colore.

Al panel è stato confermato il rilancio della linea a febbraio 2021. Si partirà con un graphic novel di Reginald Hudlin e Kyle Baker e una serie regolare digital first di un autore che non si è potuto ancora rivelare dedicati a Static Shock, un progetto dedicato a Icon e Rocket di Reginald Hudlin e Denys Cowan e l’introduzione di nuovi personaggi. Allo studio anche soluzioni young adult come già fatto per gli altri personaggi DC.

Si discute però di espandere i personaggi Milestone oltre i fumetti. Attualmente al vaglio ci sono un film dedicato a Static Shock e alcune idee per altrettanti film animati.

Il rilancio della linea verrà preceduto da un one-shot intitolato Milestone Returns Zero che sarà disponibile il 12 settembre in concomitanza con la seconda giornata del DC FanDome.

Foto generiche

Infine è stato confermato che le serie originali Milestone sarà rese disponibili in digitali sulle principali piattaforme.

DC è arrivata al DC FanDome dopo quella che forse è stata una delle settimane più dure della sua storia. Dopo una ondata di licenziamenti che ha investito la casa editrice e in generale tutte le compagnie del conglomerato controllato dal colosso delle telecomunicazioni AT&T fra cui Warner Bros. e HBO. Dopo alcuni giorni in cui sono circolate voci di ogni tipo – compresa quella delle chiusura delle divisione editoriale – Jim Lee, publisher e chief creator officer, aveva concesso una lunga intervista in cui aveva parlato del nuovo assetto della casa editrice e del futuro della linea editoriale.

Lee aveva definito il fumetto “il cardine” di tutto quello che ruota intorno al marchio DC. 

Raccontare storie, aggiornare la mitologia è fondamentale. Tutte le altre divisioni si appoggiano a noi ed insieme stabiliamo gli elementi significativi di ogni personaggio e di ogni storia che possono utilizzare e incorporare nei loro adattamenti. L’obbiettivo è raggiungere un pubblico di livello globale e i fumetti aiutano a promuovere il marchio in questo senso con consapevolezza e identità ben definite.

Ed aveva poi specificato che è già in atto una riduzione della proposta editoriale quantificata intorno al 20/25% delle pubblicazioni.

Si tratta di tutti quei fumetti che non riuscivano a raggiungere un punto di pareggio tale [per la DC questo significa solitamente che l’albo non riusciva a mantenersi intorno alle 25.000 copie – NdA] da avere alcun tipo di margina. Dobbiamo ottimizzare i guadagni ed allineare le serie al marchio del franchise che rappresentano e che abbiamo sviluppato assicurandoci così che ogni fumetto che abbiamo pubblicato venga pubblicato con una motivazione specifica.

Acquista la nuova edizione di Watchmen edita da Panini DC Italia.



Vai all’articolo originale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X